Sequestrato un laboratorio tessile gestito da oltre 10 anni da imprese straniere “apri e chiudi”

3' di lettura 26/08/2022 - Ai fini dell’esercizio del diritto di cronaca, costituzionalmente garantito, e nel rispetto dei diritti degli indagati (che, in considerazione dell’attuale fase di indagini preliminari, sono da presumersi innocenti fino alla sentenza irrevocabile che ne accerti la colpevolezza), si rende noto che le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Treviso hanno concluso un’operazione che ha consentito di sequestrare un laboratorio tessile, gestito in condizioni di assoluto degrado e con diversi fattori di pericolo per la salute e la sicurezza dei lavoratori.

Nel corso dell’intervento, i finanzieri del Gruppo Treviso hanno anche posto i sigilli a 10 quintali di scarti tessili, disseminati in ogni angolo dei locali aziendali (inclusi i locali caldaia e i servizi igienici) e a 45 macchinari per la lavorazione dei capi d’abbigliamento, tra cui tagliacuci, travettatrici, banchi da stiro e da lavoro.

Il laboratorio, delle dimensioni di circa 130 metri quadri distribuiti su due livelli, ubicato nel comune di Breda di Piave, era privo di aerazione e uscite di sicurezza, carente dei più elementari requisiti igienico-sanitari e dotato di impianti elettrici non a norma.

Il titolare della ditta, che produce per imprese locali, non è stato in grado di esibire ai finanzieri i documenti che attestassero il rispetto delle normative in materia di sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, gestione delle emergenze e smaltimento dei rifiuti.

I dipendenti, stranieri come il loro datore di lavoro, sono stati rintracciati negli immobili immediatamente adiacenti, anch’essi tenuti in stato di degrado, circostanza questa che ha permesso di ipotizzare lo sfruttamento dei lavoratori.

L’amministratore della ditta, pertanto, è stato segnalato alla Procura della Repubblica di Treviso, oltre che per la violazione delle norme sulla prevenzione dei rischi nei luoghi di lavoro, anche per il reato di caporalato.

La ricostruzione delle aziende che nel tempo hanno gestito il laboratorio tessile in sequestro ha permesso di appurare che, prima dell’attuale ditta, costituita nel dicembre 2021, a occuparsi delle produzioni tessili sono state altre cinque imprese, che, a partire dal 2011, si sono succedute ogni 2/3 anni, dopo aver maturato rilevanti debiti con il Fisco.

Si tratte di vere e proprie imprese “Apri e chiudi” che, dopo essere divenute insolventi con l’Amministrazione Finanziaria, hanno trasferito personale e macchinari nella successiva impresa costituita “ad hoc”, che ha continuato a operare sempre nello stesso luogo, con gli stessi clienti e fornitori, ma cambiando solo il nome e la partita IVA.

Significativa la circostanza che le aziende, tutte gestite da cittadini stranieri, abbiano accumulato, in 12 anni, debiti con l’Erario per circa un milione di euro.

Il sequestro d’urgenza, eseguito con il supporto del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Treviso, è stato convalidato dal Tribunale di Treviso sulla base del grave quadro indiziario, anche in vista degli imminenti interventi dello S.P.I.S.A.L. – ULSS 2 Marca Trevigiana, dell’A.R.P.A.V. di Treviso, del personale tecnico del comune interessato e del comando della Polizia Locale.

L’operazione della Guardia di Finanza di Treviso ha avuto il fine di tutelare la salute dei lavoratori e di colpire il comportamento di chi agisce nel mercato in modo sleale, a beneficio degli operatori economici onesti e rispettosi delle regole: lo sfruttamento dei lavoratori, senza rispettare le più elementari norme in materia di sicurezza, consente di applicare prezzi altamente competitivi, in danno delle imprese che operano rispettando la legge, costrette a sostenere costi maggiori.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Facebook e Telegram di Vivere Trieste .
Per Facebook Clicca QUI per trovare la pagina.
Per Telegram cerca il canale @viveretrieste o Clicca QUI.







Questo è un articolo pubblicato il 26-08-2022 alle 10:11 sul giornale del 27 agosto 2022 - 212 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dmsr





logoEV
qrcode