Sicurezza: da Regione e categorie decalogo "best practices" edilizia

1' di lettura 06/09/2021 - L'Amministrazione regionale, su iniziativa dell'assessore alla Sicurezza, si è fatta promotrice di un incontro, tenutosi lunedì mattina, con i rappresentanti territoriali di:

Aiac (l'Associazione italiana amministratori di condominio), Anaci (l'Associazione nazionale amministratori condominiali e immobiliari), Ance (l'Associazione nazionale costruttori edili) e Ape-Confedilizia (l'Associazione della proprietà edilizia) al fine di analizzare le cause che hanno portato al grave episodio di sangue registrato sabato a Trieste e individuare, nei limiti delle proprie competenze, alcune proposte funzionali a disinnescare i fenomeni di criminalità legati agli appalti edili.

Nello specifico, le parti hanno posto in evidenza i rischi connessi alle misure di rilancio del settore, quali il bonus facciate, che - in assenza di un'opportuna pianificazione su base pluriennale - producono il proliferare sul mercato di imprese di nuova costituzione, funzionali a rispondere all'incremento della domanda, che troppo spesso fanno ricorso a pratiche di caporalato.

La Regione e le Associazioni di categoria hanno pertanto convenuto sull'urgenza di offrire un proprio contributo per superare le criticità evidenziate e si sono impegnate a raccogliere, già nei prossimi giorni, alcune proposte operative da inserire in un decalogo di "best practices" che impegni tutti i soggetti pubblici e privati attivi sul territorio a mantenere alta l'attenzione sul mondo dell'edilizia.


da Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-09-2021 alle 16:04 sul giornale del 07 settembre 2021 - 112 letture

In questo articolo si parla di attualità, edilizia, friuli venezia giulia, cantieri, friuli, comunicato stampa, Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/chUg





logoEV